Magazine - PopUppens

21 april | NEWS

How coronavirus will change stores and shopping

Pandemy won't kill pop-up stores

This post is only available in italian


Il mondo del retail si sta evolvendo e non solo a causa del coronavirus.   Negli ultimi anni, il settore è stato trasformato dalla crescita del commercio elettronico, dai social e dal conseguente cambiamento delle aspettative dei clienti. Questi fattori, uniti all'aumento degli affitti, hanno indotto alcuni brand e rivenditori a puntare sui pop-up shop – negozi a tempo”esperienziali”, caratterizzati spesso da una maggiore interattività rispetto a quelli tradizionali.


La pandemia ha messo a dura prova la vendita al dettaglio tradizionale, costringendo gli store fisici non essenziali a chiudere temporaneamente. Molte aziende hanno purtroppo dichiarato fallimento e molte altre si sono battute per la rinegoziazione dei canoni d’affitto.

Ora che ci sarà una maggiore reticenza a firmare contratti di locazione a lungo termine, i temporary stores diventeranno ancora più popolari.




 

In più, se consideriamo la crescente digitalizzazione nel panorama del commercio, negli ultimi anni, e l’accelerazione di questo processo indotta dal lockdown, possiamo prospettare un uso più capillare di modelli temporanei per testare la risposta di una presenza fisica e creare un'esperienza unica e su misura per il mercato locale. Probabilmente il digitale stesso diventerà una componente più significativa dell'esperienza pop-up e l’integrazione tecnologica al retail fisico giocherà un ruolo fondamentale per non far dipendere le vendite al 100% dal solo traffico pedonale.

 

L’utilizzo dei moderni strumenti digitali e la creatività saranno la chiave per attirare nei negozi anche i clienti che hanno acquisito maggiore confidenza con lo shopping online durante la pandemia. I brand dovranno quindi ripensare a come sarà l’esperienza in negozio: presumibilmente consisterà più in lanci di nuovi prodotti, servizi di personalizzazione o offerte temporanee.   Durante il periodo di chiusura, diversi marchi hanno cercato di generare buzz con i pop-up online [qui vi abbiamo parlato del digital pop-up shop di Ted Baker] e l’innovazione in questo settore è lo strumento che sicuramente continuerà a dare slancio alle vendite anche dopo il coronavirus.

Read also
Read also

11 may | News

Not After Ten Rinascente: the event not to be missed

ITA Due pop-up per il lancio della coloratissima Capsule Collection di Not After Ten. Il brand ha scelto due città e due settimane

23 august | News

An Alice in Wonderland-themed restaurant will pop-up in a secret venue in Chelmsford

A new kind of dining experience is coming to Chelmsford and it’s as Mad as a Hatter. The "Alice in Lobsterland" pop-up restaurant

28 august | News

Lancome launches its first virtual flagship store

On August 28, Lancôme is launching a virtual flagship store in Singapore called #LiveYourStrength to promote its Advanced Génifique Youth

14 may | News

A cena fuori, sotto una campana di vetro!

I designer di tutto il mondo si stanno attivando per fornire soluzioni che consentano di riappropriarci degli spazi comuni, nel rispetto delle regole

Instagram

@popUppens

Latest news

  • 27 march 2019

    Estetista Cinica takes Rome with a pop-up store at La Rinascente

  • 17 july 2018

    OCC – Officine Culturali Carrassi

  • 23 august 2019

    An Alice in Wonderland-themed restaurant will pop-up in a secret venue in Chelmsford

  • 19 may 2020

    Three key-elements of stores in the future: the model of digital pop-up shop

Pop Uppens

Are you a designer, a chef, a retailer?

A space is what you need to show your idea to a real audience, test your product, organize a course or make an event. We at Pop Uppens give you a virtual one here. to show your project, get in touch with our creative community and give life to collaborations or maybe look together for a space to share.

Find your space