Magazine - PopUppens

21 aprile | NEWS

Come il coronavirus cambierà i negozi e il modo di fare shopping

La pandemia non ucciderà i pop-up shop, ma ecco come li rafforzerà

Il mondo del retail si sta evolvendo e non solo a causa del coronavirus.   Negli ultimi anni, il settore è stato trasformato dalla crescita del commercio elettronico, dai social e dal conseguente cambiamento delle aspettative dei clienti. Questi fattori, uniti all'aumento degli affitti, hanno indotto alcuni brand e rivenditori a puntare sui pop-up shop – negozi a tempo”esperienziali”, caratterizzati spesso da una maggiore interattività rispetto a quelli tradizionali.


La pandemia ha messo a dura prova la vendita al dettaglio tradizionale, costringendo gli store fisici non essenziali a chiudere temporaneamente. Molte aziende hanno purtroppo dichiarato fallimento e molte altre si sono battute per la rinegoziazione dei canoni d’affitto.

Ora che ci sarà una maggiore reticenza a firmare contratti di locazione a lungo termine, i temporary stores diventeranno ancora più popolari.




 

In più, se consideriamo la crescente digitalizzazione nel panorama del commercio, negli ultimi anni, e l’accelerazione di questo processo indotta dal lockdown, possiamo prospettare un uso più capillare di modelli temporanei per testare la risposta di una presenza fisica e creare un'esperienza unica e su misura per il mercato locale. Probabilmente il digitale stesso diventerà una componente più significativa dell'esperienza pop-up e l’integrazione tecnologica al retail fisico giocherà un ruolo fondamentale per non far dipendere le vendite al 100% dal solo traffico pedonale.

 

L’utilizzo dei moderni strumenti digitali e la creatività saranno la chiave per attirare nei negozi anche i clienti che hanno acquisito maggiore confidenza con lo shopping online durante la pandemia. I brand dovranno quindi ripensare a come sarà l’esperienza in negozio: presumibilmente consisterà più in lanci di nuovi prodotti, servizi di personalizzazione o offerte temporanee.   Durante il periodo di chiusura, diversi marchi hanno cercato di generare buzz con i pop-up online [qui vi abbiamo parlato del digital pop-up shop di Ted Baker] e l’innovazione in questo settore è lo strumento che sicuramente continuerà a dare slancio alle vendite anche dopo il coronavirus.

Leggi anche
Leggi anche

28 febbraio | News

La Textile Wave inonda Rinascente

Una selezione dei migliori marchi contemporanei del mondo del tessile irrompe negli store Rinascente di tutta Italia.  È la Textile

11 maggio | News

Not After Ten apre due pop-up stores in Rinascente

Due pop-up per il lancio della coloratissima Capsule Collection di Not After Ten. Il brand dell'influecer milanese Veronica Ferraro ha scelto due

23 agosto | News

Un ristorante pop-up a tema Alice nel Paese delle Meraviglie sta per arrivare in una location segreta

Una nuova esperienza culinaria sta arrivando a Chelmsford ed è matta almeno quanto il famoso Cappellaio! Il ristorante pop-up "Alice in

28 agosto | News

Lancome apre il primo flagship store virtuale

Come annunciato all’inizio di agosto il celebre brand Lancôme, debutta ogggi con un flagship store virtuale per promuovere il suo Advanced

Instagram

@popUppens

Ultimi articoli

  • 28 agosto 2019

    MUJI apre un pop-up store a SoHo

  • 17 luglio 2018

    OCC – Laboratorio culturale partecipato di quartiere

  • 20 agosto 2018

    Lo strumento del pop-up retail per l’artigianato artistico

  • 30 gennaio 2018

    Dall’online all’offline: il primo flagship store di Chiara Ferragni

Pop Uppens

Sei un designer, uno chef, un retailer?

Uno spazio è quello che ti serve per mostrare la tua idea ad un pubblico reale, testare il tuo prodotto, organizzare un corso o realizzare un evento. Noi di Pop Uppens te ne diamo uno virtuale qui. per mostrare il tuo progetto, entrare in contatto con la nostra community di creativi e dare vita a collaborazioni o magari cercare insieme uno spazio da condividere.

Trova il tuo spazio